EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: Aprile 8, 2012

Costolette di agnello all’uovo superveloci

Ottime in questa stagione, hanno bisogno di una rapida cottura e di poco condimento per essere perfette.
Le costolette non hanno bisogno di cotture prolungate, all’interno, le carni devono restare rosate, così saranno morbide e succose.

Costolette di agnello superveloci

Ingredienti per 4
12 costolette di agnello
1/2 bicchiere d’olio
1 spicchio d’aglio
un rametto di menta
un bicchiere di vino bianco
2 uova
50 ml di latte
20 g di pecorino grattuggiato


Scaldate 1/2 bicchiere di olio di oliva in una teglia antiaderente con uno spicchio d’aglio sbucciato e un rametto di menta.
Rosolatevi 12 costolette, 30 secondi per parte. Salatele, pepatele e
bagnatele con un bicchiere di vino bianco.
Coprite l’apertura della teglia con carta di alluminio,saldandola intorno all’orlo. Cuocete 10 minuti a fiamma bassa.
Sbattete 2 uova in una ciotola con 20 g di pecorino grattugiato e 50 ml di latte; pepate.
Togliete l’alluminio, fate asciugare il fondo e trasferite le costolette su un piatto da portata. Mescolate le uova al fondo di cottura, con un cucchiaio di legno. Versate la salsa sulla carne, guarnite con ciuffi di menta e servite subito.


Published by:

Tempo di pic nic Come grigliare le verdure? Piccolo vademecum

Cosa c’è di più invitante nelle nostre scampagnate o nel nostro barbecue di casa se non preparare delle ottime verdure alla griglia?
Per ottenere ottime verdure grigliate per il tuo pic nic o per una cena particolare vediamo insieme come procedere.
La grigliatura è un  ottimo metodo  di cottura perchè riesce a mantenerne il gusto della pietanza eliminando i grassi. La nostra attenzione deve rivolgersi innanzitutto nella distinzione delle varie verdure, poiché ognuna ha modi e tempi particolari di cottura.


Per grigliare le verdure non servirà nessun tipo di marinatura.
La temperatura a cui portare la griglia varia in base alle dimensioni della verdura  e delle sue pezzature. Infatti se disponiamo di pezzi piccoli dovremo cuocerli velocemente a temperature alte, mentre se abbiamo dei pezzi grandi li cuocerli lentamente a temperature basse.
Ecco alcuni esempi.

Se desiderate grigliare delle zucchine, prepartele tagliandole a strisce, per il verso della lunghezza. Al momento della cottura esse richiedono poco tempo, infatti devono solamente diventare croccanti.

Le melanzane invece devono essere  tagliarte a fette abbastanza spesse (1cm almeno) perchè durante la cottura perdono acqua. Se desiderate togliere alle vostre melanzane il sapore amarognolo basterà immergerle per un pò di tempo in acqua salata prima della cottura.

I peperoni invece vanno tagliati a fette ancora più spesse delle melanzane (2cm almeno) e cotte tenendo la parte della buccia rivolta verso la griglia Le cipolle seguono lo stesso procedimento:tagliarle a fette piuttosto spesse  dall’alto al basso e disporle sulla griglia.

I pomodori, come i peperoni, espellono molta acqua, per questo vanno lasciati scolare per una mezz’ora. Vanno cotti dalla parte della buccia.

Se desiderate grigliare le patate, lavatele per bene e tagliatele a fette un po’ spesse, disponetele su di un tovagliolo in modo che si asciughi l’acqua.
Deponete le fette di patate sulla griglia, fatele cuocere pochi minuti girandole almeno una volta, non fatele bruciacchiare.
Quando la cottura sarà terminata potete condire le verdure con dell’olio oppure con del limone, con erbe aromatiche o con ciò che preferite maggiormente.


Published by:

Disintossicarsi con insalata di arance, avocado e verdure

Vi proponiamo un’insalata sfiziosa per riprendersi dalle tavolate delle feste.

Disintossicarsi con insalata di arance, avocado e verdure

Ingredienti:
1 avocado
2 arance
1 cespo di lattuga
1 manciata di gherigli di noce
100 grammi di mais
100 grammi di parmigiano in scaglie


Tagliamo a metà l’avocado, eliminiamo il nocciolo, la buccia e tagliamo la polpa a dadi; sbucciamo le arance, tagliamole a spicchi e disponiamole nel piatto di portata.
Uniamo la polpa di avocado, la lattuga tagliata sottilmente e i gherigli di noce, scoliamo il mais ed aggiungiamolo. Mischiamo con delicatezza, condiamo con l’olio, il sale, le scagli di formaggio e serviamo.


Published by:

Crostata di kiwi e arance vaniglia

Crostata di kiwi e arance vaniglia

Ingredienti:
Pasta frolla fresca 1 disco
Crema alla vaniglia pronta
Panna montata spray 80 g
Savoiardi 50 g
Zucchero a velo 2 cucchiai
Kiwi 4
Arance vaniglia 2
Confettura di albicocche 2 cucchiai
Succo di un limone
200 g di fagioli secchi

Togliete la frolla dalla sua confezione e lasciatela 10 minuti a
temperatura ambiente.
Srotolatela, lasciandola sulla carta che la avvolgeva.
Tagliate via le parti curve del disco di pasta,ottenendo un quadrato.
Trasferite la carta con sopra il quadrato di frolla nella teglia.
Bucherellate il fondo e modellate la pasta che esce dall’orlo della teglia, per ottenere un cordoncino decorativo.
Foderate la frolla con un pezzo di carta da forno e versatevi sopra i fagioli secchi.
Tenete la teglia in frigorifero 30 minuti.
Riscaldate il forno a 180° e infornate per 20 minuti.
Togliete dal forno e lasciate raffreddare.
Eliminate fagioli e carta e sformate l’involucro di frolla.
Sbriciolate con le mani i savoiardi, lasciando cadere le briciole dentro l’involucro, in uno strato uniforme.
Spolverizzate il bordino con lo zucchero a velo.
Versate la crema nella ciotola e incorporatevi la panna montata spray
Tenete in frigorifero la crostata fino al momento di guarnirla con
la frutta.
Sbucciate i kiwi e tagliateli a rondelle.Cercate dì ottenere
fette il più possibile delle stesse dimensioni
Preparate le arance sbucciate e tagliate a fette tonde; eliminate i semi.
Sistemate i due frutti sulla superficie della crostata.
Spremete il succo del limone e versatelo nel tegamino con la confettura.
Riscaldateli a fuoco dolce e spennellate il composto sulla frutta.
Tenete in frigorifero almeno 30 minuti, prima di servire.


Published by:

Zuppa di lenticchie alla sarda

E’ un piatto abbastanza frequente nella Marmilla, zona a vocazione agricola. La zuppa è sostanziosa e ricca di sapori.

Zuppa di lenticchie alla sarda

Ingredienti per sei persone:
300 grammidi lenticchie,
un decilitro d’olio d’oliva extravergine,
100 grammi di guanciale carnoso di maiale,
una costolina di sedano,
una carota,
una cipollina verde,
uno spicchio d’aglio,
12 crostini di pane casareccio di semola di grano duro,
100 grammidi fregola campidanese,
pepe e sale.


In una capace pentola di terracotta predisporre sul fondo di cottura un soffritto con un trito sottile di guanciale salato, aglio, prezzemolo, cipolla, sedano e carota, facendolo imbiondire nell’olio caldo.
Aggiungere al soffritto le lenticchie, già ammorbidite e sgocciolate, e farle rosolare almeno due minuti, quindi aumentare l’acqua e portarla ad ebollizione, lasciando cuocere per almeno un’ora e mezza, regolando il sale e spolverando un velo di pepe nero macinato espressamente.
Verificare la quantità dell’acqua e, a cottura quasi ultimata delle lenticchie, versare nella pentola la fregola campidanese con grani tostati e tinti con lo zafferano.
Servire la zuppa caldissima sui piatti di servizio singoli,sopra un letto di crostini abbrustoliti di pane casereccio. A piacere si può aggiungere anche il formaggio grattugiato, naturalmente pecorino ben stagionato e piccante.


Published by: