EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Menta&Rosmarino- Cucino con voi » Dicembre 17, 2018

Daily Archives: Dicembre 17, 2018

Uncategorized

Frutta sciroppata: millemodi per gustarla

La frutta e la macedonia sciroppata possono essere utilizzate per la realizzazione di torte, da accompagnare come dessert al gelato o ad altri dolci o, in alternativa, gustate da sole per una pausa di bontà e benessere.
La frutta sciroppata è una soluzione molto versatile, ideale da gustare a fine pasto ma anche come dolce spuntino. Scopriamo insieme come nasce e quali sono gli abbinamenti migliori ai quali si presta.
La frutta sciroppata nasce come tecnica di conservazione fatta in casa (quando ancora non esistevano il frigorifero e le moderne tecniche di coltivazione industriale) per avere prodotti anche fuori stagione. Era una ricetta casalinga tramandata dalle nonne, successivamente industrializzata e lanciata sul mercato a larga scala.
In commercio possiamo trovare soprattutto pesche, ananas, ciliegie, prugne, albicocche e pere, ma sono presenti anche frutti più rari come i lychees, imbarattolati “singolarmente” o mixati in macedonia.
Per ottenere un prodotto di qualità, il segreto è quello scegliere soltanto la frutta che è ancora all’inizio della sua maturazione, in modo che risulti integra e priva di ammaccature.
Una volta selezionati, i frutti migliori vengono lavati, pelati e denocciolati, per poi essere tagliati in pezzi piccoli o grandi.
Prima dell’invasatura è importante assicurarsi che i contenitori siano ben sterilizzati. Per sterilizzare i barattoli di vetro sarà sufficiente metterli in forno a 180°, rovesciati a testa in giù per 10 minuti. Dopo averli fatti raffreddare sarà possibile procedere con una veloce scottatura della frutta per poi passare alla sciroppatura con lo zucchero, diluito con acqua o succo in percentuali di circa 1/3. La quantità di zucchero è importante in quanto con un dosaggio minore del necessario si rischia la fermentazione della frutta, mentre con una quantità maggiore il rischio che si corre è la cristallizzazione della stessa.
La sterilizzazione dei barattoli può avvenire anche a bagnomaria, quando sono già pieni. Questa tecnica è consigliata soprattutto per i prodotti che si preparano con breve cottura: dopo aver proceduto con il loro riempimento e averli tappati bene, questi andranno posti in una pentola e ricoperti d’acqua che andrà fatta bollire per 30 minuti avendo cura di porre fra un barattolo e l’altro dei teli di cotone (gli strofinacci andranno benissimo).
La frutta sciroppata ha il vantaggio di mantenere caratteristiche simili a quella fresca, in particolare per quanto riguarda l’apporto di fibre. Può essere utilizzata come sostituto dei prodotti freschi nella preparazione di crostate, per la torta rovesciata all’ananas, per dolci al cucchiaio o in una macedonia. In quest’ultimo caso un piccolo consiglio è quello di aggiungervi dello zenzero e una granella di noci o di pistacchio, per renderla ancora più gustosa.
Interessante è anche il suo abbinamento con il gelato, in particolare gusti semplici come crema o fiordilatte, anche se le ciliegie sciroppate si abbinano bene anche a gusti quali fragola o frutti di bosco. Anche l’abbinamento con della panna montata o con il cioccolato fuso (in special modo fondente) non potrà non conquistare il palato di chi lo proverà.
Un’altra tecnica per gustarla al meglio è quella di riscaldare leggermente la frutta in modo da creare un contrasto con il freddo del gelato o della panna cotta. Ricoprendo poi il tutto con degli amaretti, delle noccioline o dei biscotti sbriciolati si avrà anche la componente croccante che darà un ulteriore tocco in più al nostro dessert dalla preparazioni molto semplice e veloce ma che risulterà elegante e in grado di stupire gli ospiti o regalare una pausa di piacere.
La frutta sciroppata, è inoltre perfetta per realizzare fresche cheesecake, come guarnizione finale o base per la glassa posta sopra alla crema al formaggio (assolutamente da provare quella con yogurt e pesche sciroppate). Un’altra prelibata ricetta abbina la macedonia di frutta sciroppata alla crema pasticcera alla vaniglia: per la realizzazione saranno sufficienti 2 tuorli, 100 gr di zucchero, vaniglia in polvere, 200 ml di latte fresco, un cucchiaio di fecola e dei savoiardi o biscotti secchi.
La preparazione avviene poi in modo semplice: dopo aver riscaldato il latte, andranno aggiunti e amalgamati piano piano tutti gli altri ingredienti e il composto ottenuto andrà lasciato cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti.
Per un dessert più veloce, la macedonia di frutta sciroppata potrà essere proposta anche in maniera più semplice, in una ciotolina a fine pasto, abbinata ad un passito, a della frutta secca o, per i più golosi, con l’aggiunta di scaglie di cioccolato fondente.


Published by: