EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Category Archives: Approfondimenti

Cibus al via: convegni, seminari e talks

PRODUZIONE ALIMENTARE E DISTRIBUZIONE: IL FUTURO E’ INIZIATO

Convegni, seminari e talks alla 19° edizione di Cibus 2018

Parma è sempre più la Capitale del Cibo italiano con tutta la filiera della produzione agroalimentare e del retail che si è data appuntamento dal 7 al 10 maggio per la 19° edizione di Cibus, organizzata da Fiere di Parma e Federalimentare.   La fiera servirà non solo a proporre i nuovi prodotti per il mercato, ma anche ad analizzare gli scenari futuri di produzione e distribuzione nel corso di convegni e talks.

Il primo incontro sarà il World Food Research and Innovation Forum del 7 maggio, organizzato da ASTER, la società consortile tra la Regione Emilia-Romagna, le Università, gli Enti pubblici nazionali di ricerca CNR, ENEA, INFN e il sistema regionale delle Camere di Commercio. Giunto alla sua seconda edizione il Forum sarà dedicato al tema delle sfide tecnologiche ed il loro impatto sul sistema agro-alimentare (le BioTecnologie e le nuove frontiere della ricerca).

Federalimentare organizza diversi eventi all’insegna della sostenibilità e dell’innovazione, tra cui: la tavola rotonda “Il circolo virtuoso del food: la valorizzazione delle risorse di filiera in filiera”, un viaggio virtuale nelle filiere produttive che, attraverso le testimonianze di imprese ad alto grado di innovazione e di soggetti scientifici impegnati nella ricerca al fianco delle aziende, dimostreranno il potenziale di circolarità della filiera agroalimentare e la necessità di favorire la piena valorizzazione delle risorse nei diversi ambiti, alimentari e non. Seguendo il filo dell’innovazione, una nuova edizione di Ecotrophelia, il concorso nazionale rivolto agli studenti delle facoltà universitarie e degli ITS afferenti al settore alimentare volto a favorire l’eco-innovazione nei prodotti agroalimentari; verranno premiati i primi tre prodotti alimentari sostenibili e innovativi. Verrà anche presentato Life-Food.Waste.StandUp un progetto che riguarda la comunicazione e la sensibilizzazione delle imprese e dei consumatori in tema di prevenzione degli sprechi alimentari e gestione delle eccedenze lungo la filiera. Il seminario “Meno spreco alimentare, più solidarietà” costituirà un’interessante occasione per il partenariato composto da Federalimentare (capofila), Federdistribuzione, Banco Alimentare e Unione Nazionale Consumatori per presentare gli straordinari risultati delle iniziative a due anni dal loro inizio. Infine, l’evento “Progetti europei smart – risultati sostenibili nell’agroalimentare”, sull’attività dell’Area Progetti Europei di Federalimentare in tema d’innovazione di processo e di prodotto con la partecipazione dei Coordinatori scientifici dei centri di ricerca europei coinvolti.

“Il food italiano sui mercati esteri: l’esperienza di True Italian Taste” è il titolo del convegno promosso da Assocamerestero. Gian Domenico Auricchio, Presidente di Assocamerestero e Presidente di Fiere di Parma, ed altri relatori riferiranno sui risultati raggiunti dal progetto promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico per valorizzare e salvaguardare il valore del prodotto agroalimentare autentico italiano.

L’istituto di ricerca IRI, quest’anno partner di Cibus, propone un convegno dal titolo “Le nuove frontiere del Food: cosa chiede il consumatore e dove si muove il mercato”, con una relazione del suo Direttore Generale, Angelo Massaro, e gli interventi di rappresentanti dell’industria di marca e della Grande distribuzione.

Al mondo del retail sono dedicati diversi incontri. GdoWeek/MarkUp ha organizzato, in collaborazione con Cibus, il convegno “Cibo 2038, come compreremo, come prepareremo, come mangeremo”, che ha l’obiettivo di approfondire i modelli attuali e futuri del commercio e dei cambiamenti degli stili di consumo delle persone in ambito food. Questo evento ha avuto una sorta di anticipazione il 16 marzo a Milano, nella sede di Deloitte, con #Retail2038, dedicata agli scenari futuri della distribuzione. Come hanno confermato tutti i relatori – tra cui Francesco Avanzini (Conad), Mario Gasbarrino (Unes), Mariangela Marseglia (Amazon), Fabio Sordi (Selex) – l’attuale fase di discontinuità porterà a nuovi format multivariati senza separazione tra punto vendita fisico, vendite on line, ristorazione. Il tutto in un continuum esperienziale costruito attraverso relazioni personali e digitali, degustazioni e informazioni.
Il Gruppo Food presenta tre incontri nella nuova area della fiera, Cibus Innovation Corner, dedicata ad una selezione di 100 tra i prodotti più innovativi esposti. I “Coffee break innovation”, brevi talks quotidiani, saranno dedicati a: I top trend dell’innovazione nel food&beverage (in collaborazione con IRI); Innovare nella marca privata della Grande distribuzione; Le nuove frontiere del packaging.
“Come i modelli, i posizionamenti delle insegne e la soddisfazione dei clienti determinano i
risultati finanziari della GDO italiana” è il seminario organizzato da Retail Watch: modelli e i posizionamenti delle insegne; Il grado di soddisfazione dei clienti; I risultati economico-finanziari delle aziende GDO.
Il marketing In Store è il focus del seminario proposto da Università di Parma e IPSOS: nuove tecnologie di riconoscimento facciale del consumatore che entra nel punto vendita per promozioni personalizzate; scaffali lineari sperimentali con minore profondità di scelta ma inalterato spazio espositivo e ulteriori tematiche di attualità in ambito retail marketing.

Al di là del retail, saranno toccate tutte le tematiche del comparto alimentare. Sul ruolo degli chef che diventano anche “figure di riferimento” in grado di dettare le nuove abitudini di consumo a tavola si parlerà in “NEXT GENERATION CHEF Formazione e impresa: l’identità della Cucina Italiana nello scenario internazionale” organizzato da ALMA La Scuola Internazionale di Cucina Italiana; tra i relatori Oscar Farinetti, fondatore di Eataly.
Confconsumatori presenta l’evento “Nuovi cibi & nuovi consumatori, uno sguardo al futuro: come cambieranno le nostre tavole e le nostre abitudini, tra sostenibilità e salute”; parte del convegno sarà dedicato ai novel foods: alimenti a base di insetti, carne coltivata ed altro.
Tecnoalimenti ha organizzato un seminario sulla “food defense”, cioè l’insieme delle azioni di prevenzione e di difesa contro le contaminazioni volontarie di un prodotto alimentare, e la normativa specifica richiesta a tutte le aziende che esportano negli Stati Uniti, a partire da luglio 2019.

Numerosi anche le conferenze ed i seminari delle aziende espositrici. Il programma completo dei convegni ufficiali e degli espositori è consultabile su:http://www.cibus.it/convegni/

Continue reading

Published by:

La dieta italiana è amica della salute

La dieta seguita dagli italiani favorisce la longevità. Nel nostro Paese il rischio di morte prematura è più contenuto grazie alla dieta.
Contenere i carboidrati, incrementare la frutta, i legumi, la verdura e i grassi aiuta a mantenersi in salute e ad allungare le speranze di vita. In Italia le speranze di vita sono piuttosto alte perchè favorite da un apporto corretti di micronutrienti.

La dieta italiana è salutare

La dieta seguita dalla maggioranza degli italiani favorisce il benessere. Una ricerca scientifica dell’Osservatorio nutrizionale Grana Padano ha svolto un’indagine sull’alimentazione di ben 4500 italiani, donne ed uomini, con un’età media di 52 anni. Dai risultati si evidenzia che nel nostro Paese i micronutrienti che si assumono sono molto simili a quelli indicati dal LARN. Secondo gli esperti la longevità si raggiunge consumando verdura, frutta, legumi e grassi che dopo esser stati considerati dannosi sono stati rivalutati. Sono fondamentali per l’apparato cardiovascolare e per ridurre le possibilità di andare incontro ad ictus o altre patologie

Facendo riferimento ai dati dell’Istat in Italia l’età media delle donne è di circa 85 anni mentre per gli uomini è di circa 80 anni. La spiegazione deve essere cercata nel fatto che l’alimentazione tipica del nostro Paese fornisce la corretta quota di nutrienti e prende ispirazione dalla dieta mediterranea.

La dieta italiana in cucina

In cucina la dieta italiana propone molte alternative gustose e pratiche. Per seguire la dieta mediterranea in tavola si possono portare pietanze che abbinino cereali e legumi come la pasta e ceci, il riso alle lenticchie. La verdura si può gustare cruda, magari abbinata ad un secondo, oppure cotta e trasformata in crocchette, frittelle o sformati.
Per assicurarsi il corretto apporto di grassi buoni è bene alternare carne e pesce, soprattutto azzurro e formaggi sia stagionati che freschi. Nell’alimentazione bisogna inserire quotidianamente i latticini; oltre al latte si può scegliere la ricotta e lo yogurt che sazia ed apporta proteine e fermenti lattici.
Il condimento da privilegiare dovrebbe essere l’olio extra vergine d’oliva a crudo che contiene grassi monoinsaturi, vitamina A e vitamina E.

Published by:

Mandarini, le proprietà

I mandarini sono dei frutti di stagione. Succosi ed invitanti i mandarini appartengono alla famiglia degli agrumi. Utili per la salute vengono raccolti a partire dall’autunno inoltrato fino a primavera.
Al momento dell’acquisto i mandarini non devono essere avvizziti e la buccia deve essere lucente e senza macchia. Privilegiamo sempre il prodotto di origine nazionale.

Continue reading

Published by:

Le carote e i loro benefici

Le carote sono un ortaggio che si può acquistare durante tutto l’anno.Salutari  e croccanti le carote fanno bene perché apportano vitamine, antiossidanti, minerali e fibre. Facili da cucinare le carote si prestano anche a ricette dolci.

Carote proprietà

Le carote contengono minerali come lo zinco, il calcio, il fosforo ed il ferro ma hanno pochi grassi e tanta acqua.
Drenanti e diuretiche le carote hanno un potere rimineralizzante e naturalmente antianemico. Non hanno colesterolo ma vantano alti contenuti di fibre che le rendono ottime per saziare a lungo e velocemente. Le fibre poi migliorano il transito intestinale e combattono la stitichezza.
Inoltre, hanno alte percentuali di vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamine E e vitamina A. Quest’ultima , fondamentale per molte funzioni e per il benessere della cute, è preziosa per contrastare molte patologie. Il betacarotene delle carote ha molte funzioni ma principalmente si rivolge alla vista e alla pelle senza trascurare il suo potere antiossidante che riduce l’azione dei radicali liberi.
Per riuscire ad assorbire facilmente il betacarotene è consigliabile condire le carote, preferibilmente cotte, con un elemento grasso, come dell’olio extra vergine d’oliva.
Il potere calorico è pari a circa 35 calorie ogni 100 grammi.
Inoltre, le carote apportano flavonoidi e zuccheri facilmente assimilabili.
Tuttavia devono essere consumate senza eccessi da chi è diabetico o segue un regime ipocalorico perché da cotte hanno un indice glicemico considerato alto.

Carote, idee in cucina
In cucina le carote sono un ingrediente molto utile sia in ricette dolci che salate. Le carote si consumano cotte e crude e possono essere anche di colore viola. In origine, le carote erano piuttosto scure e soltanto nel corso del XVII secolo sono state selezionate perché diventassero del colore che conosciamo noi. Il cambiamento è stato un atto di omaggio alla famiglia Orange.
Le idee per usare le carote sono innumerevoli e comprendono vellutate, zuppe e minestre. Inoltre sono ottime sbollentate e condite con olio extra vergine d’oliva e prezzemolo oppure olio extra vergine d’oliva e yogurt. Si prestano a diventare frittelle, crocchette, passati ma anche deliziosi condimenti per primi piatti.
Le regioni italiane dove le produzioni sono maggiori sono il Lazio, l’Abruzzo, l’Emilia Romagna. Le carote devono essere sode, turgide e senza macchie; la presenza del ciuffo è un ulteriore simbolo di freschezza.

Published by:

Stress da menù natalizio?

 Da Bofrost oltre 50 specialità gourmet che arrivano direttamente a casa

Nel catalogo natalizio di Bofrost proposte allo stesso tempo prelibate e facili da preparare. Pregiati ingredienti al naturale e ricette elaborate per portare in tavola la festa. Da accompagnare con la selezione gastronomica “L’Antica Magnolia”: olio extravergine d’oliva, aceto balsamico di Modena IGP, conserve e composte per impreziosire le pietanze delle feste

Continue reading

Published by: