EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Category Archives: Consigli e altro in cucina

Come si usano in cucina i tartufi di Acqualagna?

I tartufi di Acqualagna sono molto conosciuti in tutto il mondo e probabilmente sono una delle varietà più buone che esistano.
Esistono vari tipi di tartufi ad Acqualagna, i quali differiscono tra di loro per periodo di raccolta e sapore, ed è possibile reperirli con facilità in diversi siti che vendono i tartufi freschi online, in base proprio alla loro stagionalità.

Il più costoso tartufo in commercio, ed anche il più famoso, è il Tuber Magnatum Pico. Questo tartufo bianco è di forma tondeggiante ed all’esterno si presenta liscio al tatto. Il colore interno può variare dal marrone al rosa, in base al grado di maturazione in cui si trova. È molto digeribile e all’olfatto il suo odore è piuttosto forte.
Al gusto è molto aromatico, infatti in genere viene utilizzato crudo, affettato a piccolissime scaglie su piatti come risotto, parmigiana o un bel uovo all’occhio di bue.
Un altro tartufo di Acqualagna è il Tuber Melanosporum Vitt.

Questo tartufo è di colore nero ed al tatto si presenta molto ruvido e rugoso. L’interno è chiaro, se acerbo, ma diventa nero a completa maturazione. Viene considerato un tartufo di eccellenza. Per poterlo gustare al meglio è necessario cuocerlo.
Non va soffritto o rosolato, piuttosto può essere ben inserito nel ripieno dei ravioli e tortelli, oppure inserito nel ripieno di un bel volatile come il tacchino.

Ad Acqualagna è presente anche il Tuber Borchii Vitt, tartufo tondo che in genere resta di piccole dimensioni. È di colore chiaro, tuttavia è meno profumato rispetto al Tuber Magnatum Pico. Anche in questo caso, essendo un tartufo bianco, è consigliabile l’utilizzo crudo su vari tipi di piatti.
Risulta ottimo il suo accostamento con le tagliatelle al burro fuso.

Il Tuber Aestivum Vitt è l’ultima tipologia di tartufo di Acqualagna. Di colore scuro e una dimensione che varia dai 3 ai 10 centimetri, questo tartufo presenta all’esterno delle verruche di forma piramidale. All’interno è di color nocciola, con delle venature bianche. Il profumo ricorda quello dei funghi ed è sicuramente molto meno pregiato rispetto al Tuber Melanosporum Vitt. Essendo un tartufo nero è consigliabile gustarlo cotto.
Risulta ottimo il suo accostamento con il paté di fegato di vitello, oppure con gli spaghetti olio, acciughe e questo tartufo tritato.

Published by:

Pane e grissini ingredienti: scopriamo cosa c’è dentro ciò che mangiamo

 

Portiamo ogni giorno sulle nostre tavole innumerevoli tipologie di prodotti già pronti, che acquistiamo al supermercato, al panificio, al negozio di alimentari. Ma cosa c’è dentro ciò che mangiamo? Quali ingredienti sono presenti? Porsi queste domande è davvero molto importante, così che sia possibile sapere con certezza se ciò che stiamo mangiando è salutare e così da poter anche fare una scelta più razionale, più oculata, al momento dell’acquisto. Ci sentiamo oggi in dovere di parlare in modo particolare di alcuni prodotti del campo della panificazione che tutti credono di conoscere molto bene e che invece spesso possono nascondere degli ingredienti sospetti, come i grissini ad esempio oppure il classico pane da tavola.

Continue reading

Published by:

Sei sicuro di cosa porti a tavola?

Sicurezza degli alimenti, cosa portiamo in tavola
I controlli sulle materie prime e sui prodotti alimentari sono da tempo consolidati. E molta attenzione c’è anche per i materiali che entrano a contatto con gli alimenti. Tuttavia i rischi di contaminazione per migrazione di sostanze nocive sono sempre in agguato. Ecco dunque I consigli del laboratorio CSI specializzato nei test sul food, per portare in tavolo solo alimenti sicuri e ben conservati.

Continue reading

Published by:

Succhi di frutta d’estate fan bene alla linea

Con l’arrivo del caldo il nostro corpo ha bisogno di idratarsi e, sebbene l’acqua rimanga la fonte di idratazione ottimale, esistono alternative gustose, naturali e che non impattano sul nostro girovita: i succhi 100% frutta. Derivano dalla frutta spremutae, per legge, non posso contenere zuccheri aggiunti, coloranti e conservanti; sono costituiti per il 90% da acqua, vitamine, sali minerali e fitocomposti e per il restante 10% da zuccheri naturali della frutta d’origine.

Continue reading

Published by:

Come fare un barbecue perfetto

L’estate è ormai in fase avanzata e riempie sempre più le nostre giornate, in special modo in termini climatici. Tra sole, mare, spiagge e quant’altro, chi se lo può permettere può concedersi un po’ di svago tipico del periodo estivo. Così com’è tipico del periodo estivo organizzare un bel barbecue nel giardino o nel terrazzo di casa, sempre per chi se lo può permettere. Anche la parola barbecue in genere è associata all’estate nell’ambito di un contesto aperto e arieggiante. Ma anche per cucinare alla brace ci sono delle regole fondamentali da rispettare.

Continue reading

Published by:

CIBO A REGOLA D’ARTE, AVVIATI I LAVORI CON PROSECCO DOC e TIRAMISU’:

il dolce e il vino più venduti nel mondo 

  

 La prima edizione trevigiana di Cibo a Regola d’Arte prende le mosse da una Masterclass sul Tiramisù. “Il dolce più mangiato e più venduto del mondo” spiega il maestro pasticcere Luigi Biasetto raccontando tutti i segreti del tiramisù perfetto. 

“Il ricco patrimonio agroalimentare della nostra Regione sta diventando un driver cruciale anche per il turismo – dichiara Federico Caner, assessore al turismo e alla promozione Agroalimentare della Regione del Veneto –  Non è un caso che Treviso quest’anno abbia registrato una crescita a doppia cifra”. 

Continue reading

Published by:

Le barbabietole rosse, perché mangiarle

Le barbabietole rosse sono buone e salutari perché apportano fibre, folati e minerali. Le barbabietole rosse si possono consumare cotte e crude e i loro effetti benefici riguardano anche il cervello. Le barbabietole rosse contengono antiossidanti e fibre e possono contribuire a ridurre il rischio cardiovascolare.

Le barbabietole rosse e i loro effetti benefici
I dati di un’indagine statunitense svolta al Wake forest university nel North Carolina ha sottolineato che le barbabietole possono essere utili per le capacità intellettuali. I ricercatori si sono concentrati su 26 volontari con più di 55 anni e disturbi di ipertensione che hanno effettuato movimento ad intensità moderata per 3 volte alla settimana, per 6 settimane. Un’ora prima dell’allenamento ognuno ha consumato del succo di barbabietole rossecon 560 milligrammi di nitrato. I volontari poi hanno effettuato delle risonanze magnetiche utili per studiare lo stato della corteccia somatomotoria. E’ stato verificato che le barbabietole ed il loro succo sono favorevoli per il cervello e per le aree deputate ai movimenti del corpo. Dallo studio statunitense è stato concluso che i pazienti che avevano bevuto il succo di barbabietole avevano una connettività cerebrale piuttosto alta e paragonabile a quella di persone più giovani.

Le barbabietole rosse in cucina
Le barbabietole rosse sono poco utilizzate ma molto versatili e poco costose. In commercio si trovano sia precotte che fresche e si consumano anche semplicemente crude e condite con olio e sale.
Le barbabietole rosse in cucina sono un ingrediente indispensabile perché possono essere impiegate non soltanto in ricette salate ma anche dolci. Sono ottime per zuppe e minestre, primi piatti e contorni. Basta un pizzico di fantasia per trasformarle in un piatto goloso, colorato e salutare perché contengono minerali e fibre, utili per contrastare la stitichezza e ridurre l’assorbimento intestinale di zuccheri e grassi.
E’ un ortaggio dal sapore delicato che può essere esaltato semplicemente, aggiungendo sale, pepe oppure delle spezie.
Le barbabietole rosse in cucina sono indicate anche per preparare centrifugati, frullati e bevande nutrienti e benefiche. Il loro colore brillante le rende perfette per preparare salse e creme ma anche per decorare torte e crostate. Si prestano a tante altri piatti dolci come i muffin, i semifreddi ed i gelati.
Delle barbabietole rosse si consumano tutte le parti, foglie comprese perché si possono sbollentare e servire in insalata oppure impiegare per zuppe, vellutate e minestre.

Published by:

Dolci e Dessert al formaggio

Dolci al formaggio, una tendenza che va sempre più di moda nel mondo della pasticceria. Abbinamenti, sapori, gusti particolari e ingredienti che si esaltano a vicenda creando dolci creativi, gustosi e facili da realizzare.

Un meraviglioso Tiramisù con mascarpone o una straordinaria cheesecake, o la torta ricotta e pera o ricotta e cioccolato, o anche le mousse o i cupcake. O ancora i semifreddi, le creme o la panna cotta. Questi sono solamente alcuni esempi delle più svariate ricette di dolci e dessert che è possibile realizzare utilizzando i formaggi.

Continue reading

Published by: