EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Frittata di asparagi

1 Reply

Secondi Vegetariano

La frittata di asparagi è un secondo primaverile. Per la festa del papà o per un pic nic la frittata di asparagi è un piatto versatile e appetitoso.


Gli asparagi contengono buone percentuali di acqua e di vitamine come la A, la E, la C e le vitamine del gruppo B. Apportano minerali come il potassio, il calcio ed il ferro e poche calorie. Sviluppano circa 20 calorie ogni 100 grammi e hanno molte fibre, preziose per contrastare la stipsi.
Indicati per eliminare le tossine gli asparagi contrastano la ritenzione idrica, sono depurativi e diuretici.
Si possono consumare sia crudi che cotti in tantissime ricette: dai primi piatti ai contorni spaziando per antipasti e secondi. Gli asparagi sono perfetti per accompagnare il pesce e la carne ed abbinati ai formaggi anche freschi. Se si desidera conservali si possono sbollentare e poi surgelare oppure mettere sott’olio.
L’Italia rientra fra i grandi produttori di asparagi; fra le regioni più votate c’è il Veneto.
Vediamo come preparare la frittata di asparagi che si può rendere ancora più golosa utilizzando la ricotta di pecora.
Ingredienti:
6 uova
200 grammi di asparagi
Olio extra vergine d’oliva
Sale
100 grammi di ricotta

Mondiamo gli asparagi, eliminando la parte più dura del gambo che si può utilizzare per minestre, zuppe o risotti. Laviamoli e facciamoli asciugare. In una padella mettiamo tre o quattro cucchiai d’olio, l’aglio schiacciato e gli asparagi tagliati a tocchetti. Saliamo, mescoliamo e cuociamo per 5 minuti col coperchio. Spegniamo, eliminiamo l’aglio e lasciamo freddare.
A parte sbattiamo le uova ed aggiungiamo la ricotta, mescolando in modo da eliminare i grumi. Incorporiamo gli asparagi ben freddi e giriamo ancora. Mettiamo un po’ d’olio in una padella antiaderente e appena si scalda versiamo il composto di uova. Cuociamo da un lato e poi giriamola usando un piatto o un coperchio. Completiamo la cottura. Si può gustare anche fredda.

1 comment

  1. Pingback: Le frittelle di San Giuseppe, morbide, semplici e profumate

Lascia un commento