EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Gli sprechi alimentari delle mense scolastiche: cosa dovrebbero fare le scuole italiane?

Comment

Uncategorized

Le famiglie italiane hanno cambiato in modo eccellente le loro abitudini alimentari nel corso degli ultimi anni, in parte perché sempre più attente alla sostenibilità e in parte perché desiderose di riuscire a risparmiare quanto più possibile, dato che di soldi a disposizione non ce ne sono mai abbastanza. Le famiglie italiane sono quindi riuscite a comprendere come fare una spesa che risulti responsabile, calibrata sui reali bisogni alimentari della famiglia, così da evitare ogni possibile spreco. Non solo, gli italiani sono diventati anche dei veri e propri maghi nel riutilizzo degli ingredienti, soprattutto grazie al potere del web che offre loro libero accesso a migliaia e migliaia di ricette. E ciò che proprio non può essere utilizzato, lo si surgela ovviamente!

Sì, le famiglie italiane hanno cambiato le abitudini alimentari in modo eccellente e stanno quindi nel loro piccolo facendo qualcosa di concreto contro lo spreco alimentare. Possono ritenersi soddisfatte, sino a quando non arriva il momento di mandare i loro bambini al nido, alla scuola materna, alle scuole elementari a tempo pieno. Che cosa accade infatti a tutto il cibo delle mense scolastiche? I bambini mangiano tutto ciò che hanno nel piatto o producono molto spreco? I bambini producono molto spreco alimentare: sembra che addirittura un terzo dei prodotti che arrivano sulle loro tavole a scuola vada a finire direttamente nel cassonetto della spazzatura.

Non possiamo assolutamente permetterci uno spreco di questa tipologia, ma che cosa possono fare le scuole per evitarlo? Le scuole dovrebbero prima di tutto cercare di fornire ai bambini, anche a quelli più piccoli, informazioni utili su che cosa sia lo spreco alimentare e sul perché si tratti di una pratica che non deve assolutamente essere protratta. Dovrebbero incentivarli quindi a mangiare ciò che hanno nel piatto e a non aprire i prodotti confezionati se si sentono già sazi e se credono che non riusciranno a finirli. Certo, informare e dare queste piccole indicazioni è importante, ma da solo non basta.

I prodotti confezionati che non sono stati aperti dovrebbero essere depositati dai bambini e dai ragazzi si un tavolo, che la scuola provvederà ad allestire per l’occasione. Questi prodotti confezionati potrebbero poi essere offerti ai bambini al momento della merenda oppure potrebbero essere consegnati loro alla fine delle lezioni scolastiche, in modo che vengano portati a casa e consumati quindi in famiglia. Un’altra valida alternativa potrebbe essere quella di offrire questi prodotti confezionati ad associazioni di volontariato che potrebbero poi portarli alle persone più bisognose, sempre che abbiamo una scadenza lunga nel tempo. Per quanto riguarda invece la frutta fresca, potrebbe essere intelligente che le scuole creassero degli spazi in cui conservarla, ovviamente in modo adeguato e sempre seguendo quelle che sono le normative oggi vigenti, così che i bambini possano mangiarla a merenda oppure il mattino successivo durante le ore scolastica.

Ovviamente lo spreco alimentare non è un problema solo ed esclusivamente italiano, ma anzi un problema a livello globale. Negli altri paesi si stanno già prendendo molti provvedimenti al proposito, sulla falsariga di ciò che sopra abbiamo avuto modo di descrivervi. In America in modo particolare, dove lo spreco alimentare è davvero molto elevato, si seguono questo genere di direttive ormai in molti istituti. QUi da noi in Italia si inizia a parlarne adesso, ma per il momento pochi istituti prendendo in considerazione queste indicazioni. Sarebbe bello se anche da noi invece si diffondessero quanto più possibile, così da poter nel giro di qualche anno riuscire ad eliminare del tutto lo spreco alimentare delle mense scolastiche.

Articolo a cura della redazione di Scuola Magazine

Lascia un commento