EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il burro fa bene

Comment

Approfondimenti

 

Consumare del burro senza eccessi e seguendo una dieta variata non è dannoso per la salute perché apporta sali minerali e vitamine come la K, la E e quelle del gruppo B. Per lungo tempo, il burro è stato demonizzato in favore di condimenti di origine vegetale modificati industrialmente che, alla lunga, potrebbero rivelarsi dannosi. Mangiare piccole quantità di burro non è dannoso, come è stato dimostrato dalla ricerca scientifica.

Il burro fa bene

Gli studi scientifici sul burro

Uno studio condotto dal professore dell’Università di Cardiff Peter Elwood ha evidenziato che il burro, senza eccessi, può essere tranquillamente inserito all’interno di una dieta sana. Peter Elwood, intervistato dal giornale Daily Mail, ha affermato che si tratta di un ingrediente prezioso perché contiene vitamina A che potrebbe avere un ruolo nella prevenzione delle malattie a carico dell’apparato cardiovascolare. Il burro è sostituito attorno agli anni 1979 da prodotti industriali realizzati con grassi idrogenati che possono avere un ruolo nell’insorgenza di alcune patologie, come per esempio l’innalzamento dei valori di trigliceridi e colesterolo nel sangue. Se si effettua un paragone fra il burro e gli altri condimenti, fra i quali rientrano l’olio di semi vari e di palma, il burro è più indicato perché è ricco di sali minerali, vitamine e proteine.

Sul burro si sono concentrati anche i ricercatori dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito con uno studio riportato poi dal quotidiano Time. L’indagine ha confermato che consumare burro senza eccessi sia importante perché contiene numerose vitamine come la D, la K, la E, quelle del gruppo B e la E. Gli esperti hanno sottolineato che il burro, che apporta anche proteine, può tenere lontane molte malattie determinate da livelli alti di colesterolo e trigliceridi.

Il burro fa bene

Il burro in cucina

Il burro è largamente impiegato in cucina, soprattutto per le preparazioni tradizionali. Ottimo per i risotti, per realizzare la pasta frolla e la pasta sfoglia non può mancare in tantissimi dolci, come biscotti e torte. Il burro si impiega per bruschette e crostini, anche abbinato alle acciughe, ma è ottimo con una semplice spolverata di zucchero. In commercio si trova il burro ottenuto con due tecniche differenti: la centrifuga o l’affioramento la centrifuga separa meccanicamente la panna dal latte e consente di ottenere un prodotto molto saporito e profumato. Invece, l’affioramento prevede che la panna affiori in maniera spontanea dal latte.

Al momento dell’acquisto è bene prediligere i prodotti tracciabili e nazionali. Un burro particolarmente ricercato è quello di malga, che si presenta con di un colore leggermente più scuro, perché è ricco dei sentori delle erbe delle quali si sono nutrite le mucche.

Lascia un commento