EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il legame fra sonno e appetito

Comment

Approfondimenti Consigli

Sonno e appetito

 

Dormire poco potrebbe indurre a mangiare di più e peggio. Esiste una correlazione fra le ore di riposo notturno, il senso dell’appetito e i cibi scelti.

 

Sonno e appetito

Secondo uno studio statunitense svolto dall’Università dell’Alabama dormire poco porta a scegliere alimenti più ricchi di zuccheri e grassi. Lo studio, che ha riguardano 1854 donne ed uomini con un’età compresa fra i 25 ed 74 anni, è stato eseguito analizzando l’alimentazione seguita da quanti dormono poche ore per notte e da chi un ritmo più regolare. I risultati dimostrano che i nottambuli sono indotti a consumare quantità maggiori di zucchero e grassi rispetto a chi dorme di più. Fra i volontari che si concedevano un riposo notturno breve le quantità consumate di zuccheri, carboidrati e grassi saturi erano molto più alte rispetto a quanti andavano a dormire presto. In particolare, gli esperti hanno dimostrato che durante il fine settimana si accentuava la tendenza a mangiare in modo meno sano, in particolare pietanze ricche di zuccheri e grassi, compresi dolci. Un altro dettaglio evidenziato dallo studio riguarda lo stile di vita che cambia secondo le ore di riposo notturno. Essere attivi è una caratteristica di chi dorme di più mentre i nottambuli sono maggiormente portati alla sedentarietà. L’abitudine di mangiare cibi con alte percentuali di zuccheri e grassi e muoversi poco favorisce l’insorgenza di molte patologie come il diabete di tipo 2, l’obesità e le malattie cardiovascolari.

 

La cena perfetta per dormire

 

Per assicurarsi un sonno veramente ristoratore è bene curare l’alimentazione, prestando attenzione ai cibi consumati durante la cena. Un dettaglio molto importante riguarda l’orario nel quale cenare che non dovrebbe essere troppo prossima al momento del riposo notturno. Esistono alcune categorie di cibi che possono rendere il sonno più agitato o difficoltoso, come il tè, il caffè, il cioccolato e le bibite che contengono caffeina; da limitare anche il vino e i superalcolici. Le pietanze della cena devono essere digeribili, leggere e poco elaborate così come le porzioni non dovrebbero essere eccessive. Per conciliare il sonno è possibile bere un bicchiere di latte tiepido prima di andare a dormire oppure una bevanda rilassante a base di melissa o camomilla. I rimedi naturali per combattere l’insonnia sono molteplici e comprendono anche la melatonina ma è sempre necessario rivolgersi al proprio medico nel caso il disturbo si protragga nel tempo.

Lascia un commento