EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Indivia belga, questa sconosciuta

Comment

Uncategorized

Indivia belga, questa sconosciuta

L’indivia è un ortaggio da foglia che ha avuto origine nel bacino del Mediterraneo; viene molto utilizzata in cucina in Italia, soprattutto durante il periodo invernale e anche per ricette tradizionali, pensiamo ad esempio all’indivia con le alici tipica di Roma, o alla pizza con l’indivia tipica di Napoli. Forse non le ricordate, perché l’indivia viene comunemente chiamata anche scarola, riccia o liscia. Le foglie più tenere si usano anche crude in insalata, quelle spesse e coriacee vengono invece cotte, sbollentate o direttamente in padella. L’indivia belga è molto meno diffusa e utilizzata in Italia, seppur non sia così difficile trovarla al supermercato. Si tratta di cespi di scarola che un tempo venivano conservati al buio, per inibire la presenza di clorofilla; oggi ci sono anche varietà particolarmente selezionate, anche se le pratiche di coltivazione comprendono comunque dei periodi di esposizione al buio.

Come si consuma l’indivia belga
Rispetto alla classica scarola l’indivia belga ha un cespo più piccolo e compatto, in quanto si tratta solo del cuore; le foglie sono sottili, con costolatura molto larga e croccantissima. Si possono consumare sia crude, sia cotte, le ricette tradizionali la prevedono però quasi sempre cotta, al forno o sbollentata a seconda dei casi. Tipica è l’indivia belga gratinata; va prima di tutto sbollentata, poi condita con besciamella e formaggi, per poi essere cotta in forno. Il sapore è amarognolo e le foglie contengono Sali minerali, vitamine e fibre, soprattutto inulina. Si tratta quindi di un ortaggio interessante e salutare, che andrebbe consumato liberamente, soprattutto se la si utilizza a crudo o in ricette senza troppi condimenti.

Acquistare l’indivia belga migliore
Sono molti coloro che non fanno molto caso alle verdure che acquistano; cercano al supermercato l’ortaggio che desiderano e acquistano il primo che trovano, o quello che costa meno. Quando in una ricetta l’ortaggio è protagonista è invece importante selezionarlo con cura, per avere la certezza che si tratti di un prodotto di qualità. L’indivia belga di seconda scelta ha le foglie più spesse e coriacee, la costa poco croccante, le foglie che alle estremità stanno cominciando a produrre la clorofilla. Il sapore di questo tipo di prodotti è decisamente diverso rispetto a quello dei prodotti di qualità, come ad esempio l’indivia belga Fratelli Orsero. In cucina gli ingredienti sono l’elemento principale; la scelta sbagliata può portare al totale fallimento della ricetta, anche se seguiamo tutte le indicazioni del caso.

Quando acquistare l’indivia
Come abbiamo detto l’indivia belga è stretta parente della scarola. Come gli ortaggi di lei cugini si coltiva praticamente per buona parte dell’anno, evitando però le stagioni più calde. I primi cespi di indivia sono pronti già in autunno inoltrato e la raccolta continua fino a inizio primavera; in seguito per alcuni mesi si sospende la coltivazione, fino all’arrivo del fresco verso fine agosto o inizio settembre. I cespi migliori sono quelli chiari, con le coste candide e le punte delle foglie leggermente tendenti al giallo-crema. Perché l’indivia belga sia squisita deve essere croccante e facile a rompersi, i cespi più compatti e piccoli sono i migliori.

Lascia un commento