Le proprietà e benefici del te’ nero: oolong the e altri

Comment

Bevande

Ogni varietà di te’ porta in sè delle proprietà curative, a seconda della tipologia o della preparazione specifica.
In questo senso sarebbe quantomeno discutibile non approfondire il discorso sull’oolong the e sui te’ neri in generale, ricchissimi di benefici per la salute del consumatore. Il tutto non senza una precisazione importante: l’oolong the pur essendo annoverato spesso nella categoria dei “te’ blu” per via della sua lavorazione durante la fase della fermentazione delle foglie rientra tranquillamente nel novero dei te’ neri poiché, come si vedrà a breve, viene estratto dalla stessa pianta, la Camellia Sinensis Assamica.

Le origini dell’oolong the conducono all’isola di Taiwan, altrimenti detta “Formosa” (così la battezzarono i portoghesi, che rimasero colpiti dalla bellezza dei paesaggi e dalla natura incontaminata). Le prime coltivazioni sono ascrivibili ai primi anni del 1700, e proprio la longevità di questo te’ ne ha permesso la sua consolidata presenza all’interno della tradizione cinese ma anche di altre popolazioni orientali. Le condizioni climatiche dell’isola, rendendosi di decennio in decennio più instabili, hanno persuaso i coltivatori a scegliere anche altri contesti ambientali più favorevoli come quelli della Contea di Anxi e del Monte Fuji, nella provincia costiera cinese del Fujian.
Il significato del termine “oolong”, ovvero “drago nero”, è da rintracciare nella forma finale che prendono le foglie della già citata Camellia Sinensis Assamica una volta arrotolate ed essiccate, ossia quella di piccoli draghi neri. Ma a differenza delle foglie che vengono lavorate per ottenere il te’ verde, che non vengono lasciate fermentare, e di quelle destinate al te’ nero che invece completano la fermentazione, le foglie da cui verrà estratto l’oolong the vengono sottoposte ad una fermentazione parziale. Questo procedimento fa sì che la colorazione derivante dall’ossidazione più breve assuma sfumature che spaziano tra il verde ed il nero, ragion per cui l’oolong the viene soprannominato anche “te’ blu”.
Come accennato inizialmente, l’oolong the presenta una lunga serie di proprietà benefiche per l’organismo. Proprio per questa sua natura ‘ibrida’, molte delle caratteristiche sono comuni a quelle del te’ nero ma anche a quelle del te’ verde.
Innanzitutto, i benefici del consumo di oolong the si riscontrano sulla pelle, grazie alle proprietà antiossidanti. La presenza dei polifenoli agisce in particolare proteggendo il tessuto epiteliale dall’insorgere di sfoghi cutanei ed eczemi. Gli stessi polifenoli, è importante specificarlo, fanno sì che il processo di invecchiamento dell’organismo venga notevolmente rallentato grazie all’opera degli antiossidanti nei confronti dei processi innescati dai radicali liberi.
La caffeina presente nell’oolong the, inoltre, permette che un uso quotidiano di questo prodotto contribuisca, se unito ovviamente ad un’alimentazione equilibrata, ad una considerevole perdita di peso.
I già ampiamente citati antiossidanti presenti nell’oolong the hanno anche un’altra importante funzione, ovvero quella di contrastare disturbi degenerativi delle ossa come l’osteoporosi e di contribuire con notevole efficacia alla protezione dei denti.

Oltre all’oolong the sono da annoverare altre varietà di te’ nero altrettanto benefiche per quanto concerne i preziosi processi antiossidanti e la prevenzione di formazioni tumorali. Tra questi troviamo ad esempio il te’ Ceylon che, come la grande maggioranza dei te’ neri, deve la propria denominazione al luogo della coltivazione, è dotato di un gusto particolarmente speziato con sfumature aromatiche di cioccolato, mentre il te’ Darjeeling è uno tra i più apprezzati per la delicatezza del retrogusto dolce e fruttato.

Lascia un commento