EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le viola melanzane Come sceglierle,conservarle,consumarle

1 Reply

Approfondimenti

Le melanzane appartengono alla famiglie delle solanacee. Il termine deriva dalle parole latine “mala insana” cioè frutto non sano.

La melanzana è originaria dell’India. Sebbene esistano innumerevoli documenti che dimostrano la coltivazione della melanzana nell’area del sudest asiatico sin dalla preistoria, sembra che in Europa fosse sconosciuta fino al sedicesimo secolo. La diffusione in Europa di nomi derivati dall’arabo e la mancanza di nomi antichi latini e greci indicano che fu portata nell’area mediterranea dagli arabi agli inizi del Medioevo.
Le melanzane arrivano in Europa grazie agli Arabi e diventano subito un cibo molto utilizzato nella cucina povera. La loro versatilità e la possibilità di impiegarle per realizzare primi, contorni o secondi le ha rese nei secoli indispensabili.

Questi vegetali contengono molta acqua e vitamine A e C. La melanzana cruda ha un gusto sgradevole ed è anche tossica perché contiene solanina. Pertanto la melanzana viene consumata solamente cotta. D’altra parte, la melanzana ha la proprietà di assorbire molto bene i grassi alimentari, tra cui l’olio, consentendo la preparazione di piatti molto ricchi e saporiti.
In commercio si trovano in prevalenza quelle nere e quelle viola, di forma rotonda; secondo la forma si utilizzano per preparazioni diverse. Quelle nere allungate sono più adatte per essere imbottite oppure per polpette. Al momento dell’acquisto, bisogna sceglierle senza ammaccature, con la pelle liscia e il picciolo non appassito. Si possono conservare in frigorifero, nel reparto delle verdure per qualche giorno.

Le melanzane aiutano ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue e sono indicate nelle diete ipocaloriche se non vengono fritte. Infatti questo tipo di cottura fa aumentare notevolmente l’apporto calorico perché le melanzane tendono ad assorbire i grassi.
Si possono consumare grigliate, stufate, ripiene di carne o di pasta, alla parmigiana o nella caponata. Con un po’ di fantasia si può realizzare un pasto a base di melanzane  che soddisfi anche i palati più esigenti.