EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Mandarini, le proprietà

Comment

Approfondimenti Consigli e altro in cucina Uncategorized

I mandarini sono dei frutti di stagione. Succosi ed invitanti i mandarini appartengono alla famiglia degli agrumi. Utili per la salute vengono raccolti a partire dall’autunno inoltrato fino a primavera.
Al momento dell’acquisto i mandarini non devono essere avvizziti e la buccia deve essere lucente e senza macchia. Privilegiamo sempre il prodotto di origine nazionale.

I mandarini, cosa contengono

I mandarini sono piccoli e profumati agrumi. Il sapore leggermente asprigno rende i mandarini particolarmente graditi.
Le loro virtù sono innumerevoli perché ci aiutano a migliorare il sistema immunitario e a fare scorta di acidi organici. Le vitamine maggiormente presenti nei mandarini sono la vitamina C, la vitamina A e quelle del gruppo B.
Hanno buone quantità di minerali come il ferro, il potassio, lo zinco ed il calcio, indispensabile per il metabolismo delle ossa.
Drenanti e dissetanti i mandarini apportano tanta acqua, preziosa per mantenersi idratati. Ben rappresentate anche le fibre che li rendono utili per combattere la stitichezza e per placare il senso dell’appetito. I mandarini si possono consumare come spuntino o merenda spezza fame.
Ogni 100 grammi sviluppano circa 70 calorie ma sono piuttosto sazianti.
La loro spremuta, un concentrato di sapore e benefici, è energizzante e dissetante. E’ importante però che venga consumata appena fatta perché il passare del tempo induce l’ossidazione, alterando il quadro nutrizionale.

I mandarini in cucina

In cucina i mandarini sono alla base di molte ricette invernali. Il succo dei mandarini si adopera per torte, biscotti e creme mentre la loro polpa si può trasformare in buonissime marmellate.
I mandarini possono anche essere sciroppati oppure usati per liquori dal profumo intenso.
Il loro sapore dolce ed aspro li rende ideali con il pesce e la carne. Possono insaporire anche gli ortaggi come i cavoletti di Bruxelles. Se i frutti sono di origine biologica la buccia è l’ideale per garantire un gusto speciale a piatti semplici come delle semplici verdure bollite, della ricotta o dello yogurt.
Le bucce si possono candire e sono molto richieste dall’industria dolciaria che le sfrutta per liquori ma anche in sciroppi. Dalle bucce poi si ricava un prezioso olio essenziale che può avere un effetto rilassante.

Leave a Reply