EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Pranzo di Natale. Da Gela I maccarruni ccu sucu fintu

Comment

Natale Sicilia
I maccarruni ccu sucu fintu.
I maccarruni ccu sucu fintu.

I maccarruni ccu sucu fintu. foto dal web

La Sicilia è una terra antica, storia, cultura saperi e sapori in ogni angolo dell’Isola più amata del bacino del Mediterraneo.

In Sicilia la tradizione culinaria è certamente una delle più ricche e gustose di tutta Italia, piatti semplici di mare e di terra, saporitissimi e colorati.

A Gela come in tutta la Sicilia quando si prepara il pranzo o la cena, si celebra un vero e proprio rito, amore, fantasia, saperi e sapori insieme per preparare piatti tipicamente mediterranei.

Mentre pensi al tuo menù del Pranzo di  Natale perchè non inserisci un piatto tipico siciliano e sopratutto perchè non pensi a qualcosa di delizioso che ha le sue origini a Gela?

Gela merita di essere presente nel tuo menù di Natale. Se non sai perchè te lo diciamo noi.  Gela sembra sia nata intorno al 689 a.C.,  nelle sponde del Mediterraneo, e , giorno dopo giorno, secolo dopo secolo è diventata la sesta città più grande della Sicilia, non solo a Gela vi è uno dei principali siti archeologici dell’Italia Meridionale e di tutto il bacino Mediterraneo.

Da Gela per il tuo Natale abbiamo scelto scelto un delizioso primo di pasta: I maccarruni ccu sucu fintu.

Per preparare i Maccarruni ccu sucu fintu e stupire i tuoi invitati al pranzo di Natale occorrono

( 4 persone)
• 500 gr. di pasta tipo maccheroni
• 2  mazzi  di finocchietto selvatico  (Acquistabile nei mercati bio o in qualche ipermercato fornito)
• Uno spicchio d’aglio
• 8 Alici  sotto olio ,( acquistabili in qualsiasi banco gastronomia)
• 200 gr. di concentrato di pomodoro
• pane grattugiato

La ricetta è di facilissima esecuzione. Innanzitutto bisogna mondare il finocchietto selvatico, facendo molta attenzione specie se proviene dalle bancarelle bio dei mercatini. Dopo aver mondato i finocchietti bisogna sbollentare i mazzetti per qualche minuto in modo che l’acqua si insaporisca, l’acqua infatti non va buttata ma utilizzata per bollire la pasta. Nel contempo in una padella larga si soffrigge l’aglio con un pò di olio ed un pizzico di sale e si fanno sciogliere le alici (5) ed infine si aggiungono i finocchietti. Quando il sughetto inizia a prendere consistenza si inserisce il concentrato  ed un pizzico di pepe nero. La pasta ovviamente deve essere fatta bollire per quanto è necessario nella pentola con l’acqua aromatizzata dai finocchietti.

In un’altra padella di diametro minore della precedente si mescola il pane grattuggiato, un pò di olio e le restanti alici, facendo soffriggere sino alla doratura il tutto.

Pronta la pasta si mescola tutto insieme nella padella che contiene la salsa facendo attenzione ad non usare tutto il pan grattato che si userà per guarnire i piatti da portare in tavola.

Il piatto è un piatto semplice, popolare ma apprezzatissimo, una ottima unione di terra e mare, con sapori tipici ed esclusivi.

Vuoi conoscere meglio Gela? Noi ti suggeriamo http://www.gelalive.com un portale informativo sulla città di Gela.

Lascia un commento