EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: botulino

Conserve casalinghe, come evitare il botulino

 

 

Durante la bella stagione la natura ci regala grandi quantità di verdura e frutta che si possono conservare e consumare d’inverno. Le conserve casalinghe però possono sviluppare il botulino, una tossina molto pericolosa.

 

 

Cos’è il botulino

Si tratta di un batterio che può contaminare le conserve di carne, pesce e verdure. Il botulino, che si manifesta con una paralisi muscolare progressiva, è una malattia grave che nei casi più acuti può causare il decesso.

Il botulino può attaccare l’organismo umano attraverso una ferita o con il consumo di un alimento contaminato, come le conserve di verdure. Il clostridium botulinum è il batterio del botulino che può infettare tutti, anche neonati e bambini; i primi sintomi si avvertono dopi poche ora dal consumo di alimenti contaminati col botulino. I sintomi riguardano l’indebolimento delle funzioni muscolari che iniziano con la vista e proseguono con il resto della muscolatura che può anche comprendere la respirazione. Il botulino può causare la paralisi degli arti e, infine, la morte. La cura riguarda la somministrazione di un’antitossina.

 

Conserve casalinghe, consigli

Le conserve casalinghe sono un modo semplice ed economico per conservare a lungo i sapori ed i profumi dell’estate. Se non si rispettano alcune regole igieniche però si incorre nel rischio botulino. Le regole per fare conserve di verdure, carne o pesce sicure iniziano dalla sterilizzazione dei barattoli e delle capsule. Gli alimenti devono essere perfettamente lavati, in modo da eliminare completamente eventuali residui di terriccio, spore o sporcizia. Oltre alla semplice acqua è possibile ricorrere a prodotti ad hoc o a del semplice bicarbonato di sodio.

 Per delle conserve senza rischi è fondamentale che gli utensili sia disinfettati e le mani lavate con cura, utilizzando sapone ed acqua calda. Una volta riempiti i barattoli è opportuno sterilizzarli mettendoli ben chiusi all’interno di una pentola d’acqua, dopo averli avvolti in stracci o in fogli di giornale. La bollitura deve proseguire per almeno 45 minuti; si lasciano sfreddare nell’acqua e poi si sistemano in un luogo fresco ed asciutto, al buio. Quando si consumano le conserve è importante osservare che non vi siano tracce di fermentazione, che non vi siano bolle o cattivi odori. Inoltre, non ci deve essere muffa e le confezioni non devono essere gonfie.

Published by: