EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: pesce

Salmone al limone

Il salmone al limone è un secondo delizioso e profumato. Da preparare in padella, il salmone al limone è arricchito da una manciata di olive nere. E’ un piatto veloce che apporta preziosi minerali, proteine e grassi buoni.

Il salmone al limone

Il salmone è un pesce versatile che si trova in vendita con grande facilità.
Ha carni sode e grasse che si prestano ad innumerevoli ricette, dagli antipasti ai secondi. In commercio si trova fresco, surgelato o affumicato. Apporta proteine e grassi omega 3, utili per il benessere cardiovascolari. Nel salmone sono presenti minerali come il selenio, il fosforo ed il ferro. Contiene vitamine come quelle del gruppo B e carotenoidi.
Invece, il limone favorisce la depurazione ed è un antisettico naturale. Del limone si utilizza veramente tutto: dalla scorza alla foglie. E’ possibile realizzare un intero menù, dall’antipasto al dolce, con questo profumato agrume. Il succo di limone è ottimo per condire le insalate e le verdure bollite, riducendo il consumo di altri condimenti e del sale. Affettato si può utilizzare nei cartocci di pesce o di carne mentre la scorza si può aggiungere a primi piatti, secondi e dolci.

Il salmone al limone, la nostra ricetta
Per il nostro secondo piatto di pesce ecco come dobbiamo procede.
Ingredienti:
2 fette di salmone fresco
1 limone non trattato
2 cucchiai di olive nere snocciolate
sale
erba cipollina

Laviamo il limone, asciughiamolo e spremiamone la metà. Affettiamo il resto del limone. In una padella antiaderente mettiamo i tranci di salmone e bagniamo col succo di limone filtrato. Abbassiamo la fiamma e dopo qualche minuto giriamo delicatamente le fette. Saliamo, aggiungiamo le olive e due o tre fettine di limone. Facciamo insaporire per circa 5 minuti e spegniamo. Serviamo il salmone con le fette di limone e l’erba cipollina tritata sottilmente.

Published by:

Orata all’arancia

imagesCAPZ8HIBQuesto è un piatto ideale per la Quaresima perché leggero e semplice.
Ingredienti>:
1 orata
sale
1 cipolla
1 arancia biologica
prezzemolo fresco
olio extra vergine d’oliva

Sventriamo l’orata, squamiamola e laviamola; in una teglia da forno mettiamo un filo di olio, poi aggiungiamo l’orata. Grattiamo la buccia dell’arancia, spremiamo il succo e mescoliamolo ad altro olio, circa 3 cucchiai. Irroriamo l’orata con la salsina ed inforniamo per 10 minuti a 180 gradi; verifichiamo che non si stia asciugando e proseguiamo la cottura per altri 5 minuti; se fosse troppo asciutta uniamo pochissima acqua oppure il succo di un’altra arancia. Serviamo con la scorza d’arancia e prezzemolo fresco.

Published by:

Razza gratinata piatto ricco della festa

 

images

Un secondo ricco a base di razza.

Ingredienti:
1 razza circa 400 grammi
aceto di vino bianco
40 grammi di burro

1/2 l di latte intero
40 grammi di farina
sale
pane grattugiato
olio extra vergine d’oliva

In una pentola capiente mettiamo l’acqua, una spruzzata di aceto e la razza; dopo aver raggiunto l’ebollizione facciamo cuocere per 10 minuti. Spegniamo, scoliamo la razza e facciamo freddare; eliminiamo la pelle e le cartilagini. A parte mettiamo il burro a sciogliere, uniamo la farina e facciamo colorare per qualche minuto. Fuori dal fuoco aggiungiamo il latte, saliamo e rimettiamo a cuocere fino a che la besciamella non sia densa. Mettiamo dell’olio in una teglia da forno e bordi alti, facciamo uno strato di besciamella, poi uno di razza e completiamo con la besciamella. Cospargiamo di pane grattugiato e cuociamo al forno per 15 minuti, fin a che non si formi una crosta dorata.

Published by:

Salsa di Fichi d’India

 

 

 

La salsa di fichi d’india è una delizia da preparare agli inizi dell’autunno.

Si tratta di una delizia veloce da preparare e molto versatile perché si può usare sul pane tostato, sui formaggi ma anche per la carne e le verdure.

Le qualità migliori dei fichi d’India sono rappresentate dalle loro proprietà terapeutiche tanto che consumare fichi d’India rappresenta un’ottima cura naturale per l’intero organismo. Tra le più importanti proprietà di queste delizie si segnala quella depurativa, ottima per aiutare l’espulsione dei calcoli renali, e quella coadiuvante nella cura dell’osteoporosi grazie alla quantità di ferro, calcio e fosforo contenuti in questo frutto.

I fichi d’India sono indicati anche come integratore nelle diete dimagranti per il loro grande apporto di fibre, che danno un senso di sazietà.

Sono utili anche come reidratanti, rivitalizzanti ed energizzanti per chi svolge attività fisica intensa, sia sportiva che lavorativa. Se avete la fortuna di abitare nelle zone del nostro meridione e specialmente in Sicilia o se ne trovate in abbondanza nei mercati provate a preparare questa salsa piuttosto insolita, che bene accompagna pesci e carni bianche.

Inoltre, è una ricetta facile, che ci riporta alle sole e al mare.

Vediamo adesso come cucinare la salsa di fichi d’india.

 

Ingredienti

10  fichi d’India maturi
un cucchiaino abbondante di sale,
un cucchiaio di succo di lime

pepe

Prendete  i fichi d’India e sbucciateli. Se non l’avete mai fatto prima, tenete presente che i fichi hanno una serie di piccole spine, praticamente invisibili ad occhio nudo. Il modo migliore per pulirli, quindi, è rimuovere la buccia esterna senza toccarla con le mani, aiutandosi con forchetta e coltello, facendo prima un taglio profondo un paio di millimetri sulla buccia, per tutta la lunghezza del fico e poi, usando sempre gli utensili, separare la buccia dalla polpa e, facendo girare il fico sul tagliere, rimuoverla del tutto.

Dopo aver pulito i fichi d’India, tagliarli a pezzetti e  metterli all’interno del boccale del mixer. Iniziamo a frullarli ed aggiungiamo il sale e un po’ di pepe. Versare metà della purea in un pentolino e mettere sul fuoco, tenendo la fiamma bassa.

Portiamo a leggera ebollizione, mescolando spesso poi aggiungiamo il succo filtrato di mezzo lime e mescoliamo;  spegniamo il fuoco.

Uniamo la metà della purea rimasta mescolare bene e travasiamo in una salsiera. Portiamo in tavola o mettiamo in frigorifero dopo aver coperto.

Published by:

Triglie ai pomodori

E’ un piatto estivo da realizzare con i pomodori freschi; le triglie possono anche essere acquistate in filetti.
Ingredienti:
4 triglie
sale
olio extra vergine d’oliva
1 spicchio di aglio
300 grammi di pomodori maturi
1 mazzetto di prezzemolo fresco
2 cucchiai di olive nere col nocciolo

Sventriamo e squamiamo le triglie e laviamole. Laviamo i pomodori, tagliamoli a rondelle sottili. In una padella mettiamo l’olio, l’aglio intero e i pomodori; saliamo e facciamo cuocere 10 minuti col coperchio. Aggiungiamo le triglie, bagnandole con il sugo che si è formato. Rimettiamo il coperchio e facciamo cuocere per 10 minuti, aggiungendo acqua calda se si seccasse troppo. Uniamo le olive nere, il prezzemolo e spegniamo.

Published by:

Triglie alla vernaccia

Un secondo piatto di pesce semplice e veloce. La’aggiunta della Vernaccia darà al piatto un sapore profumato ed elegante
Triglie alla vernaccia

Ingredienti:
4 triglie di scoglio
2 pomodori secchi
1 spicchio di aglio
Olio extra vergine d’oliva
1 bicchierino di vernaccia sarda



Sventriamo, squamiamo e laviamo le triglie; in un tegame di coccio mettiamo dell’olio. Uniamo il pomodoro secco  e l’aglio tritati e poi le triglie. Bagniamo con la vernaccia, saliamo e facciamo cuocere per circa 15 minuti a fuoco basso. Serviamo caldo


Published by:

Riso ai granchi

Un primo piatto di pesce che ha come protagonista il granchio, ottimo e gustoso piccolo crostaceo. Una portata di gusto e semplice da realizzare.

Riso ai granchi
Ingredienti
400 grammi di granchi femmine
300 grammi di riso
Olio extra vergine d’oliva
1 spicchio di aglio
200 grammi di polpa di pomodoro


Laviamo i granchi, poniamo sul gas una pentola piena di acqua fredda; a bollore, versiamo i granchi, mettiamo il coperchio e cuociamo per 10 minuti. Facciamoli freddare, scoliamoli ed eliminiamo le zampe. Apriamoli e mettiamoli da parte; soffriggiamo nell’olio l’aglio tritato poi uniamo la polpa di pomodoro e facciamo cuocere per 10 minuti; saliamo, uniamo i granchi e spegniamo il gas. A parte lessiamo il riso, Scoliamolo e condiamolo col sugo bollente. Mischiamo e serviamo subito.


Published by: