EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Category Archives: Diete e Linea

Ortaggi di stagione e dieta sana. I carciofi sono diuretici e buoni per il fegato.

 

I carciofi non sono solo buoni e a basso contenuto di calorie. Ma, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sino ad oggi si sono valutati più per il loro gusto che per i loro effetti benefici per la salute: ciononostante siano superiori ad altri ortaggi per apporto di vitamine e minerali. Ma nei carciofi ci sono anche altre sostanze e molecole come l’inulina carboidrati, che è anche adatta per la salute dei diabetici. E poi la cinarina che rende l’ortaggio leggermente amaro – e favorisce la produzione di bile. Ma essi agiscono anche come diuretico, antinfiammatorio e rafforzano il fegato. Perché stimolano l’appetito e quindi sono perfetti come antipasto. Molti purtroppo li assaggiano solo nelle conserve di vetro, ma sono particolarmente deliziosi se mangiati freschi. I boccioli possono essere semplicemente cotti per 30 a 45 minuti in acqua salata, ma anche un semplice carpaccio é delizioso.

Lecce, 1 gennaio 2016                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

 

Published by:

Come dimagrire velocemente

 

Dimagrire velocemente… Il sogno di ogni donna e non solo… Tuttavia, resta veramente ed unicamente un sogno, poiché’ nella realtà solo grossi sacrifici possono portarci ad un dimagrimento rapido! E’ importante, in primo luogo, senza ombra di dubbio, recarsi da un dietologo serio ed affidabile che possa consigliare, a seconda dei casi, la migliore dieta da seguire!

Una dieta seguitissima e’ sicuramente la dieta dissociata. Si tratta di consumare separatamente carboidrati e proteine. Un esempio potrebbe comportare il consumo di pasta e pane a pranzo e di verdure e carne a cena. Questo tipo di dieta può sicuramente aiutare a dimagrire molto velocemente!

Continue reading

Published by:

Come dimagrire con le uova: una dieta

Dimagrire con la dieta delle uova. Lo dice uno studio secondo cui è  più facile perdere peso

 

Fin dall’antichità le uova venivano considerate energizzanti e in grado di favorire le fatiche di Venere ed Eros. I Romani per avere un sicuro effetto afrodisiaco le mangiavano appena bollite, spolverizzate con pepe, sedano e pinoli immersi nel miele. Ma non è tutto. Da qualche anno alcune ricerche scientifiche hanno messo in luce altre proprietà terapeutiche di questo alimento naturale. Secondo uno studio condotto dal Rochester Centre for Obesity, questi alimenti possono aiutarci anche a smaltire i chili di troppo. Lo studio ha coinvolto 30 donne obese o sovrappeso, alle quali i ricercatori hanno chiesto di mangiare due uova oppure una ciambella di pane per colazione. I risultati sono stati sorprendenti: nonostante i pasti contengano lo stesso apporto di proteine e calorie, le donne che hanno consumato le uova hanno confessato di essere rimaste sazie più a lungo e dunque mangiato meno a pranzo. Nelle successive 36 ore, le donne che avevano consumato il pane, avevano conseguito anche 417 calorie in più delle altre partecipanti. Iniziare la giornata con questo piatto, dunque, può aiutarci tantissimo nel conseguimento del peso forma. Le uova sode contengono circa 78 calorie l’una, dunque vanno bene anche come snack. Le uova forniscono quindi una quantità significativa di proteine e di altri elementi nutritivi.

 

 

Continue reading

Published by:

La dieta vegana ha una trappola invisibile

 

images

 

Chiunque segue una dieta vegana, si trova spesso a fronteggiare una trappola invisibile, che non salterebbe in mente di pensare a nessuno, fino a quando però non si manifesta. Proprio questo non essere consci dell’ esistenza di tale trappola vegan, sono davvero in tanti ad abbandonare questo stile di vita sano ed equilibrato.

Ma qual’ il nemico numero uno delle diete vegane ?

Spesso si manifesta con un calo di vitamina B12, spesso si manifesta con spossamenti e pancia gonfia, sintomi che seppur minimi riescono a far fare dietro front anche soggetti più determinati. La trappola vegan invisibile è la nostra genetica difficoltà nel digerire cibi vegetali.

Tale difficoltà è dovuta al fatto che un essere umano, nella propria vita prima di abbracciare lo stile di vita vegan, si alimenta per molti anni come un onnivoro, cibandosi anche duque di carne e di tutti quegli alimenti che non sono contemplati nelle classiche diete vegan.

Dunque un nemico invisibile per chi sceglie di abbracciare la dieta vegana dopo aver vissuto come onnivoro, ma non chi sin da bambino sceglie o gli viene imposto questo tipo di alimentazione. I sintomi che fanno capire ad un vegano di avere questa difficoltà sono :

 

 

  • Pancia gonfia
  • Carenze varie
  • Spossamento e mancanza di energie
  • Confusione mentale

Si può rimediare quando la trappola ci è stata tesa ?

Certo ! il consiglio da seguire è tra i più semplici ma efficaci che possiate leggere. Non pensarci ! Si… perché una volta capito a cosa sono dovuti quei sintomi, una volta che si è diventati consci di tale difficoltà, si può assolutamente riuscire a non farsi prendere dal panico e a non associare quei sintomi a mancanza di elementi fondamentali per il sostentamento dell’ organismo.

Questa difficoltà nella digestione di vegetali, è una delle motivazioni per la quale vengono commercializzati tra i vegani, frullatori ed estrattori di succo. Infatti, per dare una mano all’ intestino nel processo di assimilazione degli alimenti e di digestione dei residui, si può ingerire cibo sotto forma di frullati.

Frullare, estrarre succo, masticare in modo giusto, sono tutte operazioni che aiutano a far accedere nel nostro stomaco cibi più facilmente digeribili. A dire il vero, è risaputo che anche quando si ingeriscono cibi diversi dai vegetali, bisogna avere una corretta masticazione per far si che si riesca a ridurre in poltiglia il cibo mangiato, che poi sarà ovviamente più facilmente digeribile e le sostanze che lo compongono più facilmente assorbite dall’ intestino.

Il corretto assorbimento permette di evitare per sempre ogni carenza, eliminare per bene il materiale non necessario e le tossine in eccesso!

Tanti vegani e crudisti, mangiano molte insalate e tanta frutta senza digerirle correttamente! I rimasugli indigeriti di frutta e verdura attivano un processo di fermentazione, causa di stanchezza, gonfiore e anche aria intestinale!

 

 

Published by:

Plumcake alle nespole senza burro

imagesCAS7Q2KSIl plumcake alle nespole senza burro è il dolce della primavera perché è ottimo per i pic nic ed i pranzi all’aperto.
Ingredienti:
300 grammi di farina
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per dolci
150 grammi di zucchero
300 grammi di nespole mature
4 cucchiai di olio di semi
2 uova
2 cucchiai di pinoli
100 grammi di latte

In una ciotola setacciamo la farina, uniamo il sale, l’olio e lo zucchero; aggiungiamo le uova sbattute con il latte ed infine il lievito. Laviamo le nespole, priviamole del nocciolo e tagliamole a dadi. Incorporiamo con delicatezza aggiungendo anche i pinoli. Imburriamo una teglia rettangolare, travasiamo il plumcake e cuociamo per 30 minuti a 180 gradi; facciamo freddare poi serviamo con zucchero a velo.

Published by:

Torta di pandoro, senza grassi, ai kiwi

CA7MHE6DCAF6DKIECAD27VBECA4670U0CAWCUOLJCAGHDCKNCAQY7TCQCAGJG336CAEBEB0FCASO8WF1CABKDGZDCAQD6Q1FCA2EZ22ICA2WSSVPCAE7A700CACQP3B3CATWXEO0CAP2YNDICABO6RS9Questa torta è un modo per riciclare il pandoro. Non ha grassi nè zucchero ma è ricca di salutari kiwi.

Ingredienti:
400 grammi di pandoro
1/2 bustina di lievito per dolci
1 bicchiere di latte scremato
2 kiwi maturi
2 cucchiai di uvetta passa
cacao amaro

Tagliamo il pandoro a dadi e sbucchiamo i kiwi. In una ciotola mettiamo il pandoro, uniamo il latte e mescoliamo aspettando che si assorba. Uniamo la scorza di limone, l’uvetta passa ed i kiwi; impastiamo bene, aggiungiamo il lievito e travasiamo in una teglia imburrata. Cuociamo per 30 minuti a 180 gradi, facciamo freddare e serviamo con una spolverata di cacao amaro.

Published by:

Biscotti leggeri senza uova

imagesCA4L62VZ

Biscotti leggeri senza uova

Ingredienti:

200 grammi di farina
1 limone non trattato
150 grammi di


In una ciotola setacciamo la farina, uniamo lo zucchero, il pizzico di sale ed il burro morbido; aggiungiamo il latte e la scorza di limone. Impastiamo e formiamo un panetto. Infariniamo il piano di lavoro, stendiamo la pasta non troppo sottile e ricaviamo i biscotti. Sistemiamoli in una teglia da forno imburrata e cuociamo per 10 minuti a 180 gradi. Devono diventare dorati; facciamoli freddare, spolveriamoli con lo zucchero a velo e serviamo.

Published by:

Torta leggera di albicocche e yogurt

Ingredienti:
200 grammi di farina
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per dolci
1 uovo
1 bicchiere di latte scremato
6 albicocche mature
150 grammi di yogurt bianco senza zucchero
150 grammi di zucchero

Lavoriamo l’uovo con lo zucchero fino ad avere un composto spumoso; setacciamo la farina ed uniamola all’uovo. Aggiungiamo il sale, il latte a filo e lo yogurt, tenendone da parte circa 4 cucchiai. Impastiamo bene ed uniamo per ultimo 4 albicocche sbucciate tenendone due per la decorazione; aggiungiamo anche il lievito. Imburriamo una tortiera e cuociamo in forno caldo per 30 minuti a 180 gradi. Facciamo freddare; tagliamo le albicocche a rondelle non troppo sottili. Sformiamo la torta, ricopriamo la superficie con lo yogurt messo da parte e decoriamo con le albicocche.

Published by:

Salsa tonnata light

La salsa tonnata light, è molto buona e si può utilizzare per condire del riso bollito, per realizzare delle bruschette, dei bignè oppure per le verdure. Si può preparare in anticipo e tenere, ben coperta, in frigorifero. Se è possibile, scegliamo tonno che si pescato in maniera responsabile da aziende che abbiano a cuore la sorte delle risorse naturali.

Ingredienti:
200 grammi di tonno al naturale
100 grammi di yogurt magro
3 acciughe dissalate
2 cucchiai di capperi sott’aceto
latte scremato
1 mazzetto di prezzemolo

Scoliamo i capperi e il tonno; mettiamo nel frullatore il tonno, i capperi e lo yogurt. Iniziamo a frullare, poi uniamo le acciughe e frulliamo bene. Se il composto risultasse troppo denso, uniamo qualche cucchiaiata di latte scremato. Decoriamo con il prezzemolo tritato e serviamo.

Published by:

Melanzane dietetiche fritte, senza uovo e pan grattato

Le melanzane fritte, diventano dietetiche se vengono cotte al forno e condite con pochissimo olio. Inoltre, questa ricette non prevede l’utilizzo di uovo e pan grattato.
Ingredienti:
4 melanzane viola
sale
olio extra vergine d’oliva
farina oppure farina di riso
1 pizzico di curcuma o di zafferano

Laviamo le melanzane e tagliamole a bastoncini; in un vassoio mescoliamo la farina con lo zafferano, o la curcuma, e il sale. Mischiamo e ruzzoliamoci dentro i bastoncini di melanzane, pochi per volta. Ungiamo con poco olio una teglia da forno, trasferiamo i bastoncini infarinati, condiamo con pochissimo olio e cuociamo a 180 gradi per 30 minuti. Sono pronti quando appaiono croccanti e dorati. Serviamo con un’insalata di pomodori.

Published by: